Il 17 Febbraio 2018 in Italia è il giorno dell’anno dedicato al più infedele degli animaletti da compagnia e ha una storia molto particolare a livello nazionale e mondiale.

Festa del gatto 2018, perché e come si festeggia in Italia

Il gatto, animale domestico molto elegante e particolare che sembra avere molte qualità, tranne quella della fedeltà, ma non è vero. Molti amici a quattro zampe dotati di gommini e vibrisse esprimono gratitudine al padrone a modo loro, strusciandosi o addirittura accoccolandosi in braccio in momenti inaspettati.

E’ senza dubbio un gatto indipendente e venerato sin dall’antichità (gli Egizi addirittura lo consideravano un dio), ma è anche vero che questo pelosetto è stato anche perseguitato durante il periodo dell’Inquisizione, perché associato alla Stregoneria.

Purtroppo, ancora oggi questo animale è vittima di maltrattamenti e anche di proprietari negligenti. Per fortuna, esistono persone che si informano sulla salute del proprio felino, tanto che sono nate anche riviste e siti specifici come appunto Mondogatti.com.

E’ bene precisare che ci sono varie ricorrenze, e tutti i gattari si ricorderanno della data dell’8 agosto.

Ma l’origine della ricorrenza nazionale del Gatto è veramente particolare e merita di essere raccontata.

Festa Nazionale del Gatto 2018, la scelta della data italiana

Come si è arrivati ad istituire la festa del gatto? E perché proprio il 17 febbraio? Il merito di dedicare un giorno al felino è stata di tanti appassionati e sostenitori a cui una giornalista, Claudia Angeletti, ha pensato di dar voce.

La data è stata scelta grazie a un sondaggio e la preferenza è ricaduta sul mese di febbraio e sul numero 17: non è un caso. Febbraio, dal punto di vista zodiacale, è infatti è il mese dell’Acquario, tradizionalmente associato agli spiriti indipendenti e anticonformisti; il 17 è il numero più legato in assoluto a superstizioni e paure anche nei confronti del gatto ma che, con la ricorrenza, si prova a esorcizzare, ma contemporaneamente nel Nord Europa il numero 17 ha un valore benefico, che significa anche “Vivere una vita sette volte“.

Questo numero se si scrive in numeri romani ” XVII ” e si fa l’anagramma si ottiene “VIXI”, parola latina che significa “HO VISSUTO”.

Mentre l’8 agosto si festeggerà la giornata mondiale del gatto ed è fissa in tutto il globo, mentre quella nazionale, ovviamente, varia da Paese a Paese: se in Italia come in Polonia è il 17 febbraio, in Giappone ricorre il 22 febbraio, mentre il 1 marzo sarà la Russia a festeggiare questi animali, seguito dagli USA che festeggerà il 29 ottobre.

I primi ad indire una festa nazionale per i gatti sono stati proprio i Giapponesi, i quali hanno una autentica venerazione per loro: il Neko no Hi, ovvero il Giorno del Gatto, è indetto in questa data perché in giapponese il verso è molto simile al suono del numero 2, ma loro sono anche i precursori del neko cafè, i locali in cui si beve un caffè e si mangiano torte e pasticcini mentre dei mici vengono per cercare carezze e cure.

Da che cosa ci si può aspettare da un popolo che ha inventato Hello Kitty e i Maneki Neko?

Se negli Stati Uniti il National Cat Day è un evento vero e proprio (dei locali preparano appositamente dei biscotti graditi ai mici, offrono i l caffè al proprietario e ci sono vere e proprie feste), in Italia si celebra in maniera abbastanza sobria, così come in Polonia, ma puntando sempre al commerciale.

Festa del Gatto 2018 Italia, il vero significato

È un giorno molto speciale per i felini e per tutti i loro amanti: non solo è un momento di allegra devozione per i nostri mici, però è anche un’importante occasione per ricordare i problemi che possono affliggerli e per diffondere una cultura di amore e rispetto nei loro confronti.

Nel territorio italico, le iniziative per festeggiare i nostri amici gatti crescono di anno in anno: mostre, fiere, mercatini, spettacoli, vengono promossi da città, gattili, associazioni ed enti al fine di festeggiare e sancire ancor di più l’amore che molti nutrono per il gatto.

Al di là del valore commerciale e speculativo di molte iniziative legate alla festa del gatto che fanno la felicità di toelettatori e di altre attività dedicate a questi animali, è giusto dedicare una giornata ai felini, cercando magari di riflettere e impegnarsi a proteggere non solo loro, bensì tutti gli animali che spesso subiscono maltrattamenti o vengono abbandonati dall’uomo.

A loro basta essere liberi di scorrazzare per casa o in un giardino messo in sicurezza, essere ben nutriti (non eccessivamente, altrimenti potrebbe nuocere alla loro salute fisica) e, anche se lo odiano, andare a trovare il veterinario a cadenze regolari affinché si scongiurino problemi seri come disfunzioni renali o tumori.

E’ anche vero che è dispettoso: magari seguendo i consigli di San Valentino per gatti abbiamo comprato accessori e cibo di alta qualità, ma lui preferisce bere acqua piovana, mangiare i soliti croccantini e infilarsi dentro una scatola di cartone piuttosto che stare nella sua calda cesta!

Ma cosa ci dobbiamo fare, queste palle di pelo si fanno voler bene comunque!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

16 + 5 =